Indagine pilota COVID-19 in Val Seriana

L’Università degli Studi di Bergamo (UNIBG), nel quadro di sofferenza delle persone in relazione all’epidemia di COVID-19 e di estrema difficoltà per il territorio, partecipa al dolore delle famiglie della bergamasca e lavora a proporre delle soluzioni per gestire il ritorno alla normalità.

UNIBG, insieme al Dipartimento di Ingegneria Gestionale, dell’Informazione e della Produzione, a Earthquake Network ed a Steamware, promuove un’indagine pilota sulla mobilità ed il rischio contagio con particolare riferimento alla Val Seriana, pesantemente colpita dalla pandemia di COVID-19.

A tal fine, si chiede a chi abita nei comuni della Val Seriana di installare l’app gratuita Rilevatore Terremoto. Dal 2012, l’app “bergamasca” Rilevatore Terremoto aiuta gli italiani nelle emergenze terremoto inviando allerte in tempo reale. Ora, vuole essere d’aiuto alle popolazioni coinvolte dall’emergenza COVID-19 monitorando la mobilità delle persone in forma anonima al fine di valutare il rischio di contagio e fornire informazioni utili alla collettività.

Per installare l’app, selezionare lo store da cui eseguire il download:

Get it on Google Play

Ad installazione avvenuta, aprire l’app e seguire le istruzioni per autorizzare l’app a rilevare la posizione dello smartphone. In caso di sistema operativo iOS o Android 10, autorizzare l’app a rilevare la posizione anche quando l’app non è in uso.

I dati raccolti consentiranno ai ricercatori di UNIBG di calibrare un sistema, su base volontaria, di valutazione in tempo reale del rischio individuale di esposizione al virus SARS-Cov-2.  Alcune potenzialità di adattamento dell’app al monitoraggio continuo della mobilità sono già pubblicate sulla pagina Facebook Covid-19&Mobility.

Nella fase post-picco dell’epidemia, verso un rientro graduale alla normalità, la soluzione in studio sarà in grado di informare in tempo reale le persone su variazioni del rischio individuale in relazione alla zona a cui si staranno avvicinando o ai soggetti con cui staranno per interagire.

Di seguito alcuni dettagli importanti relativi all’app.

Come funziona l’app?

L’applicazione Rilevatore Terremoto è nata per il monitoraggio sismico tramite smartphone. Gli smartphone con l’app installata rilevano il terremoto in tempo reale ed un’allerta viene inviata agli utenti più lontani dall’epicentro e non ancora raggiunti dall’onda sismica.

Per poter fornire questo servizio, l’app raccoglie periodicamente ed in modo anonimo informazioni sulla posizione geografica dello smartphone. Le informazioni raccolte sono quindi preziose non solo per il monitoraggio sismico ma anche per studiare la mobilità delle persone nell’arco della giornata.

Devo configurare l’app?

No, è sufficiente installarla ed aprirla per autorizzare l’app a rilevare la posizione dello smartphone. In caso di smartphone iPhone o Android 10, è necessario consentire all’app di rilevare la posizione anche quando l’app non è in uso. In caso contrario, lo smartphone non parteciperà all’indagine pilota.

COme posso supportare l’indagine pilota?

Al fine di ottenere informazioni utili, l’indagine pilota deve coinvolgere un gruppo di persone in numero sufficientemente elevato e rappresentativo della popolazione. Condividere l’app con familiari, parenti ed amici è quindi il modo migliore per supportare l’indagine.

Quali sono gli obiettivi specifici dell’indagine?

1) Studiare i pattern di mobilità degli abitanti della Val Seriana e la loro interazione con il resto della provincia.

2) Studiare la fattibilità di un sistema di valutazione in tempo reale del rischio di contagio e di allerta della popolazione basato su tecnologia smartphone.

La mia privacy e’ tutelata?

I dati raccolti dall’app Rilevatore Terremoto sono custoditi su piattaforma cloud che soddisfa i più alti standard di sicurezza. I dati sono raccolti in modo anonimo (cioè non sono riconducibili al singolo individuo) e non sono ceduti a terze parti.

L’app consuma batteria?

L’app effettua monitoraggio sismico solamente quando lo smartphone è in carica e non è in uso. La batteria non viene quindi utilizzata se non quando l’app viene aperta e consultata.

L’app GENERA TRAFFICO INTERNET?

Il traffico Internet generato dall’app è minimo se paragonato a quello di qualsiasi altra app di uso comune (Facebook, Twitter, WhatsApp, GMail, etc.). Il traffico può aumentare se l’app viene aperta e consultata.

cosa succede se ricevo una notifica di terremoto?

Trattandosi di un’app inerente i terremoti, potresti ricevere notifiche sui sismi che si verificano in Lombardia e nelle zone limitrofe. Puoi disabilitare le notifiche dalla pagina di configurazione dell’app.

Chi posso contattare per avere maggiori informazioni?

Puoi contattare i ricercatori coinvolti nell’indagine, Prof. Francesco Finazzi  e Prof. Alessandro Fassò.

Come posso abbandonare l’indagine pilota?

Per abbandonare l’indagine pilota è sufficiente disinstallare l’app e/o comunicare l’intenzione via e-mail all’indirizzo francesco.finazzi@unibg.it.